La contrazione del business pubblicitario di YouTube è un segnale inquietante per il mercato pubblicitario online

Un logo di YouTube visto allo YouTube Space LA a Playa Del Rey, Los Angeles, California, Stati Uniti il ​​21 ottobre 2015.

Lucy Nicholson | Reuters

Il mercato della pubblicità online continua a soffrire, come pesi massimi Alfabeto e Microsoft hanno riportato vendite deludenti durante i loro trimestri più recenti.

Le entrate pubblicitarie di YouTube sono diminuite del 2% anno su anno a $ 7,07 miliardi durante il terzo trimestre della società madre di Google, mancando le stime degli analisti di $ 7,42 miliardi. È stata la prima volta che le entrate pubblicitarie di YouTube si sono ridotte su base annua da quando la società ha iniziato a pubblicare i risultati della divisione nel 2019.

La crescita complessiva dei ricavi di Alphabet è drastica rifiutato dal 41% di un anno fa al 6%, sottolineando come i timori di una recessione incombente abbiano indotto le aziende a ridurre i propri campagne pubblicitarie e di marketing. In effetti, il direttore finanziario Ruth Porat ha affermato durante una chiamata con gli analisti che il calo delle entrate di YouTube “riflette principalmente ulteriori ritiri nelle spese degli inserzionisti”.

Alcuni degli inserzionisti che hanno rallentato la spesa pubblicitaria online con Alphabet provengono dai servizi finanziari, dalle assicurazioni, dai prestiti, dai mutui e dalle criptovalute, ha affermato Philipp Schindler, chief business officer di Alphabet.

La scorsa settimana, Snap ha dato il tono al mercato della pubblicità online quando ha mancato le stime degli analisti del terzo trimestre con $ 1,13 miliardi di vendite, inviando le sue azioni ruzzolare oltre il 30% il giorno successivo. Snap ha attribuito le sue scarse vendite alle aziende diminuendo i loro budget di marketing” in risposta alla debole economia, ha affermato la società in a lettera agli investitori.

Microsoft anche segnalato un rallentamento nella sua attività di pubblicità online.

La sua attività di ricerca e pubblicità di notizie (tra cui Bing e Microsoft News) ha registrato una crescita delle vendite del 16% nel trimestre di settembre, il primo dell’anno fiscale, molto al di sotto della crescita dei ricavi del 40% registrata un anno prima. In effetti, il tasso di crescita di tale attività si è ridotto ogni trimestre dell’ultimo anno, in coincidenza con la traiettoria discendente generale dell’intero mercato della pubblicità online.

Inoltre, la crescita delle vendite trimestrali di LinkedIn di Microsoft si è ridotta al 17%, in calo dal 42% nello stesso periodo del 2021.

Amy Hood, CFO di Microsoft, ha dichiarato agli analisti durante una telefonata che “le riduzioni della spesa pubblicitaria dei clienti, che si sono anche indebolite più avanti nel trimestre, hanno avuto un impatto sulla ricerca nella pubblicità e sulle soluzioni di marketing di LinkedIn”.

Nel frattempo, Meta mercoledì dovrebbe riportare il secondo trimestre consecutivo di calo delle vendite, sottolineando l’attuale turbolenza nella pubblicità online. A giudicare dai recenti rapporti sugli utili di vari giganti della tecnologia, è improbabile che il genitore di Facebook riporti segni di una ripresa del mercato pubblicitario online.

Alphabet perde sia entrate che EPS, leggero rialzo su Google cloud

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *