Potrebbero avere amore sui loro cervelli di lucertola

Anche senza i nostri pregiudizi culturali, i rettili possono essere difficili da studiare.

“Molti di loro sono piuttosto timidi”, ha affermato Allison Alberts, scienziata della conservazione e co-fondatrice dell’Iguana Specialist Group presso l’Unione internazionale per la conservazione della natura. Ha aggiunto che “Sono così sensibili quando c’è una persona. Si bloccano e basta: non eseguiranno alcune delle loro normali interazioni sociali quando c’è una persona in giro”.

Anche molte forme di interazione tra i rettili sono invisibili.

“La comunicazione chimica gioca un ruolo enorme”, ha affermato Julia Riley, ecologista comportamentale presso la Mount Allison University di New Brunswick, in Canada. “Ed è qualcosa che non puoi nemmeno vedere ed è anche molto difficile da campionare dall’ambiente”.

Eppure, nonostante questi pregiudizi e difficoltà, i ricercatori stanno iniziando a svelare i complessi mondi sociali di queste creature.

Una delle scoperte più affascinanti del comportamento sociale dei rettili – la monogamia a lungo termine nelle lucertole shingleback come Ned e Sunny – è avvenuta del tutto per caso.

Michele Toroil biologo australiano che ha fatto la scoperta, inizialmente era meno concentrato sulle lucertole e più interessato a studiarle diverse specie di zecche che viveva su di loro. A partire dal 1982, catturava shinglebacks, li contrassegnava, prendeva varie misurazioni, quindi li rilasciava. Dopo diversi anni (e migliaia di lucertole), notò che ogni primavera, a distanza di mesi, gli stessi maschi e femmine riuscivano in qualche modo a ritrovarsi.

Il corteggiamento di Shingleback non è forse il più romantico per gli standard umani.

“Il maschio seguirà la femmina per un certo numero di settimane, spesso alcuni mesi, e difenderà quella femmina da qualsiasi altro maschio che tenti di invadere”, ha detto Jane Melville, curatrice senior dei vertebrati terrestri presso i Musei Victoria in Australia. Sono stati visti anche maschi permettere ai loro compagni di mangiare per primi, ha detto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *