Salute: gli alimenti giusti possono promuovere uno stile di vita positivo, afferma uno studio

Secondo i ricercatori della Rutgers, insegnare ai pazienti a osservare e documentare come si sentono dopo aver mangiato determinati alimenti può essere un modo molto efficace per incoraggiare cambiamenti positivi nello stile di vita. Per saperne di più su Dynamite News:

Washington [US]: Secondo i ricercatori della Rutgers, insegnare ai pazienti a osservare e documentare come si sentono dopo aver mangiato determinati alimenti può essere un modo molto efficace per incoraggiare cambiamenti positivi nello stile di vita.

Per misurare l’efficacia dei programmi di cambiamento comportamentale sul benessere dei pazienti, gli studenti della Ernest Mario School of Pharmacy di Rutgers hanno collaborato con Eating for Your Health, un’organizzazione del New Jersey che promuove un’alimentazione sana per condurre una sfida alimentare sana di 10 giorni.

Leggi anche: Lo ami, lo odi, ma non puoi ignorare questo dolce Diwali

“Lavorare con il team di Eating for Your Health non solo ha influito sulla mia idea personale di cibo e stile di vita, ma ha trasformato la mia visione della farmacia e mi ha mostrato il ruolo multidimensionale che svolgiamo nell’assistenza sanitaria”, ha affermato Marta Galagoza, una studentessa di dottorato Rutgers in farmacia e una co-ricercatore del progetto.

Cinquantotto professionisti sanitari, personale e studenti Rutgers si sono iscritti allo studio, in rappresentanza di una varietà di settori sanitari, tra cui medicina, odontoiatria, infermieristica, terapia fisica, assistenza sociale, nutrizione e farmacia. Ai partecipanti è stato mostrato come preparare ricette sane per la colazione e gli è stato chiesto di osservare, documentare e riflettere su come si sentivano dopo aver mangiato.

Leggi anche: La siccità della Cina minaccia la sua sicurezza alimentare ed energetica

Queste osservazioni, denominate How You Feel is Data®, sono un pilastro dell’approccio educativo di Eating for Your Health, e rappresentano la connessione tra il modo in cui il cibo influisce sia sul corpo che sul cervello come un passo importante verso una vita più sana.

Oltre alle istruzioni per la preparazione dei pasti, ai partecipanti sono state fornite risorse nutrizionali, incoraggiamento e una piattaforma per comunicare tra loro.

Dopo la sfida di 10 giorni, 37 partecipanti hanno completato un sondaggio descrivendo in dettaglio le loro esperienze e se le loro abitudini alimentari erano cambiate di conseguenza.
– L’86% dei partecipanti si è detto fiducioso che avrebbe cambiato le proprie abitudini alimentari andando avanti.

– L’84% ha affermato che avrebbe mangiato una più ampia varietà di cibi e il 46% ha affermato che avrebbe mangiato più fibre.

– Il 62% ha dichiarato di aver pianificato di preparare il cibo in lotti più grandi e la sera prima di migliorare le proprie abitudini alimentari.

In genere, gli operatori sanitari hanno poco tempo per interagire con i pazienti sulle scelte di vita e sulle abitudini sane, ma Mary Wagner, professoressa associata di Rutgers in farmacia e membro della facoltà principale dello studio, vede opportunità di cambiamento.

“I farmacisti possono creare spazi di nicchia nelle loro pratiche per fornire assistenza sanitaria ai pazienti, ma per aiutare i pazienti a invertire le abitudini dannose, devono prima capire cosa motiva le persone a cambiare”, ha affermato Wagner.

“L’implementazione di strumenti specifici, come il metodo How Your Feel is Data, può consentire agli operatori sanitari di consentire ai propri pazienti di promuovere abitudini alimentari consapevoli e altri cambiamenti positivi nello stile di vita”.
“Sebbene il cambiamento del comportamento possa essere difficile, questo studio mostra che l’osservazione, l’inserimento nel diario e la scoperta di sé possono supportare il processo e migliorare la salute a lungo termine dei pazienti”, ha affermato Marion Reinson, direttore esecutivo di Eating for Your Health.

Sperimentare cibi e ricette, ascoltare e comprendere la reazione del tuo corpo è un primo passo autodiretto, efficace e proattivo verso la scoperta di un modo di mangiare sostenibile e stabilizzante che funzioni per te.” (ANI)

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *