Quando l’Asia dà il benvenuto ai viaggi all’estero, qual è il sentimento del mercato per i titoli di viaggio e di svago

Quando l'Asia dà il benvenuto ai viaggi all'estero, qual è il sentimento del mercato per i titoli di viaggio e di svago
JESHOOTS-com / Pixabay

Dopo quasi tre anni di divieti di viaggio in corso, blocchi e quarantene obbligatorie a causa della pandemia, la maggior parte dei paesi dell’Asia e del sud-est asiatico ha ora demolito gli ultimi rimanenti restrizioni di viaggio nel tentativo di dare il bentornato ai viaggiatori stranieri e internazionali.

Mentre diversi paesi hanno riaperto all’inizio dell’estate, alcune nazioni non sono state così indulgenti, mantenendo in vigore gran parte delle loro restrizioni ai confini e imponendo un limite alla quantità di arrivi giornalieri di passeggeri.

Ottieni la serie completa di Henry Singleton in PDF

Ottieni l’intera serie in 4 parti su Henry Singleton in PDF. Salvalo sul desktop, leggilo sul tablet o invia un’e-mail ai tuoi colleghi

Lettere, conferenze e altro sugli hedge fund del terzo trimestre 2022

Arnott Capital – Aggiornamento sulla performance di settembre

Arnott Capital settembre 2022Commento di Arnott Capital per il mese di settembre terminato il 30 settembre 2022. Il fondo ha restituito un rendimento negativo dell’1,79% per il mese di settembre 2022. L’esposizione netta è stata lunga in media del 29%, mentre la media lorda è stata del 107%. Ciò porta il nostro rendimento dell’anno solare a un 3,06% positivo e dall’inizio a un 23,00% annuo positivo al netto delle commissioni. Copertura del terzo trimestre 2022 Leggi di più

L’Asia apre il turismo

Il ultima intuizione rivela che circa 21 paesi dell’Asia e del sud-est asiatico hanno ora completamente riaperto al turismo, con alcuni che hanno ancora requisiti minimi di viaggio per i visitatori stranieri. Cina rimane perlopiù chiuso.

Con la regione che ora accoglie nuovamente turisti, commercianti di viaggi e gruppi di viaggi aziendali sono ansiosi di riavviare l’industria del turismo locale mentre la pandemia ha demolito il sud-est asiatico Industria del turismo da 390 miliardi di dollari e cancellato milioni di posti di lavoro.

In Brunei Darussalam, Mongolia, Filippine, Thailandia e Vietnam lo è stimato che quasi 1,6 milioni i posti di lavoro legati al turismo sono andati persi durante il culmine della pandemia, con ulteriori stime che suggeriscono che il numero potrebbe essere molto più alto.

Calpestate dalla pandemia, diverse nazioni da allora hanno ripristinato nuove politiche di viaggio nella speranza di rimbalzare il loro settore turistico locale. Tuttavia, l’ottimizzazione del recupero è stata accolta con esperti che suggeriscono che alcune nazioni potrebbero affrontare problemi ecologici e ambientali a lungo termine a causa del turismo eccessivo.

Nel 2018, l’ex presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte è riuscito a chiudere l’isola di sabbia bianca di Boracay cremisi per sei mesi nel tentativo di riabilitare l’ambiente naturale. Dopo la riapertura, l’isola ha mantenuto alcune misure di sostenibilità, ma nell’aprile di quest’anno ha superato più volte il numero di visitatori giornalieri, creando ulteriori problemi per le autorità.

Nonostante i prezzi siano aumentati per quasi tutto, dai biglietti aerei, all’alloggio, ai ristoranti e ai trasporti, quest’anno la domanda repressa dei consumatori ha superato di gran lunga le aspettative.

Nelle ultime settimane la Thailandia, la seconda più grande tra l’Association of Southeast Asian Nations (ASEAN) svelato il suo obiettivo di accogliere più di 30 milioni di turisti stranieri nel 2023, una cifra ottimistica che è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemia. Il governo non vedeva l’ora di dare il via al settore turistico del paese, che nel 2019 rappresentava il 20% del prodotto interno lordo (PIL) della Thailandia.

La Thailandia ha revocato tutte le restrizioni di viaggio il 1 luglio 2022.

La città semiautonoma cinese – Hong Kong – recentemente a settembre ha abbandonato i requisiti di quarantena in hotel, seguito successivamente da Taiwan che ha ripreso l’ingresso senza visto per i cittadini statunitensi ed europei.

Per gran parte della regione in lenta modalità di ripresa, i titoli di viaggio e di svago hanno subito un cambiamento positivo di rotta nelle ultime settimane sulla scia delle notizie secondo cui le nazioni stanno allentando ulteriormente le restrizioni.

Inizio settembre ha rivelato una crescita positiva per azioni di viaggio nel sud-est asiatico, poiché il Nikkei 225 è balzato dell’1,16% e l’indice Topix ha guadagnato lo 0,75% dopo che il Giappone ha annunciato la rinuncia alle sue restrizioni di viaggio.

Negli ultimi giorni, le azioni sono state scambiate al rialzo mentre il rally di Wall Street è continuato. Entro il 14 ottobre, sia il Nikkei 225 che il Topix hanno guadagnato rispettivamente il 3,25% e il 2,35%. L’indice Han Seng di Hong Kong è balzato dell’1,93%, mentre lo Shanghai Composite è salito dell’1,84% alla chiusura del mercato.

La ripresa economica locale è stata lenta, ma costante nonostante le sfide in corso. I dati di mercato suggeriscono che quando i paesi riaprono al turismo, un’iniezione economica tanto necessaria, un’inflazione rovente, tassi di interesse in rialzo e costi di viaggio più elevati potrebbero smorzare l’ottimismo.

Tuttavia, queste sfide non impediranno ai consumatori di prendere il volo, poiché la domanda repressa e i viaggi di vendetta hanno alimentato un’estate di caos di viaggio diffuso in gran parte negli Stati Uniti e in Europa.

Sebbene l’esodo della stagione dei viaggi sia ormai alle spalle, Leeny Oberg, Finance Chief di Marriott International (NASDAQ: MAR) commentato sullo stato attuale dei viaggi e del tempo libero nel paese. Secondo Oberg, “Non stiamo vedendo alcun segno di flessione della domanda a questo punto. La gente vuole uscire e viaggiare”.

Ma sul mercato azionario, i prezzi più alti si sono riflessi in una performance complessivamente migliore.

Le azioni delle compagnie aeree salgono

Le compagnie aeree asiatiche hanno fatto un ritorno costante negli ultimi mesi. La Cathay Pacific Airways Ltd. con sede a Hong Kong (HKG:0293) ha annunciato nel maggio 2022 che avrebbe riassunto centinaia di membri dell’equipaggio di cabina precedentemente licenziati prima del suo accordo di recupero.

I prezzi delle azioni sono aumentati costantemente negli ultimi mesi, con agosto che ha registrato una crescita positiva con la compagnia aerea registrando un aumento del 17% delle entrate per la prima metà dell’anno. Negli orecchini post, le azioni sono aumentate dello 0,94% e gli investitori sperano che dialoghi con Boeing aggiornare la sua flotta potrebbe aumentare il numero di passeggeri per la prossima estate.

ANA Holdings (TYO:9202), il colosso dell’aviazione con sede in Giappone ha visto i prezzi delle azioni salire negli ultimi mesi con una performance da inizio anno (YTD) in aumento del 16,13%. La solida performance arriva dopo il recente annuncio del governo giapponese che ha abolito le sue restrizioni legate al COVID e ha dato il benvenuto ai viaggi all’estero.

Gruppo di compagnie aeree asiatiche Singapore Airlines Ltd. (SGX:C6L) ha ha aperto di recente una discussione privata con Tata Group per una possibile integrazione di Vistara e Air India. L’accordo vedrebbe la compagnia ampliare la sua flotta e operare più voli in coincidenza con l’India. La performance delle azioni da inizio anno ha guadagnato lo 0,60%, ma la compagnia aerea è fiduciosa nelle prossime festività natalizie per fare un rimbalzo sul mercato azionario.

Gruppo alberghiero aziendale Hyatt Hotels Corporation (NYSE: H) ha anche ottenuto una solida performance finora, con prezzi in aumento del 23,7% nell’ultimo anno. Si tratta di una performance significativa rispetto al calo complessivo del settore del 3,9%. L’azienda ha sperimentato crescita positiva negli ultimi mesie la performance dell’anno scorso ha aumentato le stime per l’intero anno 2023 del 42,1%.

Oriental Land con sede in Giappone (TYO:4661) è riuscita a riguadagnare un ottimo andamento delle entrate dopo aver assistito a a Salto del 33,45%. nelle sue entrate annuali, un grande impulso dopo due anni di performance bersh. La performance complessiva del titolo ha recuperato terreno, con i prezzi da inizio anno in aumento del 3,80%. L’Oriental è pronto per un forte aumento a lungo termine nei prossimi mesi con il ritorno dei viaggiatori nella regione.

Gruppo alberghiero, Pan Pacific (TYO:7532) ha tenuto forte andamento dei ricavi tra il 2019 e il 2022, nonostante la pandemia che ha visto l’azienda dover limitare le sue operazioni in alcune delle sue destinazioni turistiche più ambite. Per gli investitori, tuttavia, le prospettive sulla performance del titolo sono state ampiamente positive, con i prezzi da inizio anno in aumento di oltre il 60%.

Settembre e ottobre hanno visto i prezzi scendere leggermente, ma la società ha lavorato per migliorare la sua linea superiore aggiornando i suoi pacchetti per gli ospiti e aumentando i prezzi a causa dell’aumento dei costi operativi.

Nonostante la possibilità circostante di a recessione e i consumatori che cercano di ridurre la spesa irregolare, altri contendenti come Carnival Corporation (NYSE:CCL), Boyd Gaming (NYSE: BYD) e Choice Hotels International (NYSE: CHH) sono tutti in una posizione comoda dopo la turbolenta stagione estiva.

Questo rimbalzo ha consentito alle principali società di viaggi e tempo libero di recuperare le perdite subite negli ultimi due anni e di costruire una rete di sicurezza adeguata in caso di improvvise flessioni del mercato.

Espansioni aziendali

Inoltre, con i confini ora riaperti e il viaggio di ritorno in pieno svolgimento, le aziende possono continuare la loro espansione delle operazioni nei mercati nuovi ed esteri. Ciò consentirebbe loro l’opportunità di riprendere da dove si erano interrotti poco prima che la pandemia chiudesse tutto.

L’espansione, la crescita interna e l’aggiunta di nuovi servizi e prodotti significano che le aziende possono aumentare la propria capacità e il proprio dominio nel rispettivo settore.

Gli investitori potrebbero essere fuggiti dal mercato in una raffica per proteggersi dalla possibilità di grandi ribassi del mercato, ma ci sono ancora alcune possibilità opportunistiche nel settore dei viaggi e del tempo libero dimenticato.

Anche se l’industria non si è completamente ripresa e dovrà ancora cambiare le condizioni del mercato del lavoro, mostra che con perseveranza e un po’ di grinta, anche i settori più colpiti possono tornare in auge

Anche se il mercato inizia a appianare le condizioni instabili, andando avanti potremmo vedere gli investitori cambiare lentamente ma inesorabilmente la loro direzione, mentre i viaggi e il tempo libero si ricostruiscono sul mercato tradizionale e reinstillano il sentimento rialzista degli investitori.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *