La Russia evacuerà i residenti di Kherson mentre l’Ucraina avanza

KIEV, UCRAINA (AP) — In segno che i continui e sostenuti guadagni militari ucraini lungo il fronte meridionale stanno preoccupando il Cremlino, la Russia promette alloggi gratuiti ai residenti della regione parzialmente occupata di Kherson che vogliono evacuare in Russia.

Il vice primo ministro russo Marat Khusnullin ha fatto l’annuncio poco dopo che il leader sostenuto dalla Russia di Kherson, una delle quattro regioni ucraine annesse illegalmente da Mosca il mese scorso, ha chiesto al Cremlino di organizzare un’evacuazione da quattro città della regione.

“Le città della regione di Kherson – Kherson e Nova Kakhovka, Hola Prystan e Chornobaivka – sono soggette a attacchi missilistici quotidiani”, ha detto Vladimir Saldo in un video pubblicato online giovedì. “Questi attacchi missilistici provocano gravi danni, in primis ai residenti. Tra i bersagli colpiti dai missili ci sono hotel, edifici residenziali, mercati (luoghi) dove ci sono molti civili”.

Saldo ha affermato che è stata presa la decisione di evacuare i residenti di Kherson nelle regioni russe di Rostov, Krasnodar e Stavropol, nonché nell’annessa Crimea.

“Vorrei chiedervi di aiutare a organizzare questo processo. Noi residenti nella regione di Kherson, ovviamente, sappiamo che la Russia non abbandona la propria e la Russia offre sempre una mano”, ha affermato Saldo.

La sua richiesta arriva quando le forze ucraine spingono la loro controffensiva più in profondità nella regione meridionale di Kherson, anche se a un ritmo più lento.

La mossa arriva mentre l’esercito ucraino continua a fare guadagni nel sud. Le forze armate ucraine hanno riportato costanti guadagni territoriali lungo il fronte meridionale, inclusa la riconquista di 75 insediamenti nella regione di Kherson nell’ultimo mese, ha affermato giovedì notte il Ministero per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati.

A est, le forze armate ucraine hanno riconquistato 502 insediamenti nella regione di Kharkiv, 43 nella regione di Donetsk e sette nella regione di Luhansk, ha affermato il ministero.

Il vice di Saldo, Kirill Stremousov, nella sua stessa dichiarazione ha cercato di sdrammatizzare l’annuncio, dicendo che “nessuno si sta ritirando… nessuno ha intenzione di lasciare il territorio della regione di Kherson”.

Giovedì, l’esercito britannico ha dichiarato su Twitter che “le autorità di occupazione russe hanno probabilmente ordinato la preparazione per l’evacuazione di alcuni civili da Kherson”.

“È probabile che anticipino il combattimento che si estende alla stessa città di Kherson”, ha affermato il ministero della Difesa britannico.

All’inizio di venerdì, la Russia ha continuato i suoi attacchi mirati alle infrastrutture critiche in tutta l’Ucraina, una strategia iniziata lunedì, quando si diceva che un attacco massiccio e coordinato a quasi tutte le regioni del paese sarebbe stato effettuato come rappresaglia per l’esplosione su un ponte finanziato da Mosca che collega la Crimea alla Russia continentale.

Numerosi attacchi missilistici russi hanno scosso la capitale della regione di Zaphorizhzhia durante la notte poiché la città ha continuato a essere un punto focale mentre l’Ucraina ha spinto la sua controffensiva sul fronte meridionale.

Il governatore regionale di Zaporizhzhia Oleksandr Starukh ha affermato che diverse esplosioni sono state segnalate durante la notte in città presso strutture infrastrutturali, provocando incendi. Non c’erano vittime nei rapporti preliminari e non erano disponibili ulteriori dettagli su danni specifici. Le forze russe hanno colpito continuamente la capitale regionale e l’area circostante negli ultimi giorni e settimane, creando preoccupazioni per la sicurezza della vicina centrale nucleare.

Il capoluogo di regione dista circa 100 miglia dalla centrale, la più grande centrale nucleare d’Europa. Due giorni fa, è stato costretto a tornare al generatore alimentato a diesel per mantenere i suoi sistemi di raffreddamento del reattore dopo che un attacco alla linea di comunicazione di una sottostazione è andato perso durante i combattimenti nell’area.

Attacchi missilistici, droni e razzi contro l’Ucraina hanno tenuto il paese al passo con le sirene dei raid aerei che si verificano più frequentemente e portano un accresciuto senso di urgenza dopo che l’attacco di lunedì ha ucciso 19 persone e ferito più di 100, inclusi molti nella capitale, Kiev.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *