Statistiche sulle piccole imprese nel 2022

I proprietari di piccole imprese costituiscono probabilmente la maggior parte delle attività negli Stati Uniti Da ristoranti e negozi di alimentari a fattorie, agenzie immobiliari e meccanici, le attività di proprietà di gente del posto con meno di 100 dipendenti sono considerate piccole imprese.

Queste piccole imprese sono gestite da una varietà di tipi di persone e nessuna attività avrà lo stesso aspetto. Dal numero di dipendenti alle entrate che ogni azienda porta, le piccole imprese sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Diamo un’occhiata più da vicino ad alcuni fatti sulle piccole imprese.

Da asporto chiave

  • Ci sono 31,7 milioni di piccole imprese negli Stati Uniti nel 2020, pari al 99,9% di tutte le imprese statunitensi. (Amministrazione delle piccole imprese degli Stati Uniti)
  • Più della metà dei proprietari di piccole imprese ha 55 anni e più. (Ufficio di censimento degli Stati Uniti)
  • Il 9,1% dei proprietari di piccole imprese sono veterani. (PUNTO)
  • Uno dei motivi più comuni per cui le persone iniziano un’attività in proprio è essere il capo di se stesse. Il 66% degli intervistati in Cox Business ha affermato che questo è il motivo per cui hanno aperto la loro piccola impresa. (Affari Cox)
  • L’82% delle piccole imprese sopravvive un anno; il 50% sopravvive fino al traguardo dei cinque anni; solo il 35% sopravvive dieci anni. (Ufficio di Statistiche sul Lavoro)

Statistiche generali sulle piccole imprese

Il fatto che un’azienda si qualifichi o meno come una piccola impresa è in genere definito da quante entrate guadagna e da quanti dipendenti ha. La Small Business Administration ha delineato parametri per settore. Ad esempio, una piccola impresa nel settore del legname avrebbe meno di 500 dipendenti, ma un piccolo produttore di bibite potrebbe avere fino a 1.250 dipendenti. Per quanto riguarda le entrate, anche questa è una vasta gamma a seconda del settore, con le piccole imprese che generano in media tra $ 1 milione (o meno) e $ 41,5 milioni di entrate annuali.

Le piccole imprese esistono in quasi tutti i settori. Gli scrittori freelance possono qualificarsi come piccoli imprenditori, così come rivenditori, parrucchieri, esperti fiscali, avvocati e persino medici privati.

Ci sono 33,2 milioni di piccole imprese negli Stati Uniti, che costituiscono il 99,9 per cento di tutte le imprese americane, secondo il Amministrazione delle piccole imprese. Anche alcune delle catene di grandi nomi che vedi potrebbero essere gestite localmente e qualificarsi come piccole imprese. Orientamento finanziario ha intervistato 4.500 attuali e aspiranti imprenditori e ha scoperto che 41 degli intervistati possedevano attività in franchising.

Piccole industrie

Mentre le piccole imprese esistono in quasi tutti i settori, ce ne sono alcune che dominano. Di seguito è riportato un grafico, basato su un sondaggio di Guidant Financial, che mostra alcuni dei più grandi attori nel mondo delle piccole imprese.

Cibo e ristoranti 12%
Al dettaglio 11%
Servizi per gli affari 11%
Salute, bellezza e fitness 9%
Servizi residenziali e commerciali 7%

Statistiche sulla proprietà delle imprese

Il mondo degli affari è vario, ma alcuni gruppi hanno maggiori probabilità di avviare un’impresa. Tieni presente che le statistiche a cui si fa riferimento in questa sezione si riferiscono a tutti gli imprenditori negli Stati Uniti, non solo a quelli che si qualificano come piccole imprese. Tuttavia, ricorda che le piccole imprese costituiscono il 99,9% di tutte le imprese statunitensi.

Proprietà dell’impresa per genere

Gli uomini attualmente possiedono più piccole imprese rispetto alle donne. Il più recente del Census Bureau Indagine annuale sulle imprese ha rilevato che solo 1 azienda su 5 negli Stati Uniti è di proprietà di donne. Tuttavia, il numero di imprese di proprietà femminile è cresciuto dello 0,6% anno su anno.

Proprietà dell’azienda per razza

Proprio come c’è una divisione di genere nella comunità delle piccole imprese, c’è anche una chiara divisione razziale. Il censimento degli Stati Uniti ha rilevato che non solo le aziende sono per lo più di proprietà di uomini, ma la maggior parte di esse è anche gestita da uomini bianchi. Il grafico seguente suddivide la proprietà per diversi gruppi.

Bianco 70,8%
ispanico o latino 14,4%
asiatico 6,2%
Nero o afroamericano 6,0%
Sconosciuto 2,1%
Indiano d’America e nativo dell’Alaska 0,5%

Proprietà dell’impresa per età

Le piccole imprese sono di proprietà e gestite da persone di tutte le età. Tuttavia, non sorprende che gli individui delle generazioni più anziane tendano a possedere attività più dei giovani adulti. Gli anziani hanno avuto più tempo per costruire credito, rendendo più facile assicurarsi i finanziamenti. Hanno anche più esperienza nel mondo del lavoro e hanno avuto più tempo per risparmiare denaro da investire nelle loro attività.

40+ anni 63%
30-40 anni 30%
20-30 anni 7%

Proprietà dell’impresa per livello di istruzione

Avere un livello di istruzione superiore non ti qualifica necessariamente per gestire un’impresa, ma può semplificare la componente finanziaria. Inoltre, frequentare il college può creare una rete e un sistema di supporto in grado di fornire il capitale o i contatti necessari per iniziare a lavorare.

Come vedrai nel grafico sottostante, quelli con una laurea sono la percentuale più alta (52%) di imprenditori. Ma i diplomi di laurea non sono necessari per tutti i settori e anche quelli con diplomi di socio costituiscono una parte significativa del mondo degli affari.

Scuola superiore 10%
Socio 21%
Scapoli 52%
del maestro 9%

Statistiche finanziarie per le piccole imprese

Le piccole imprese hanno esigenze finanziarie uniche rispetto alle società più grandi. Le entrate medie delle piccole imprese sembrano diverse, le buste paga sembrano diverse e le esigenze di prestito sembrano diverse.

Statistiche sui ricavi delle imprese

Quanto guadagna una piccola impresa dipende in gran parte dal settore e da dove si trova l’attività. Naturalmente, un ristorante in una grande città come Los Angeles o New York City renderà sostanzialmente più dell’unico ristorante nell’America rurale. Il censimento degli Stati Uniti Sondaggio 2019 sulle statistiche delle imprese statunitensi (rilasciato nel 2022) ha rilevato che il reddito medio per i lavoratori autonomi nelle proprie attività costituite era di $ 55.858. E per fortuna, la maggior parte (63%) delle attività esistenti segnala che sono redditizie.

Così come c’è un divario nella proprietà tra uomini e donne, c’è anche un divario sostanziale nelle entrate. Biz2Credit ha scoperto che le aziende gestite da donne hanno un reddito medio annuo di $ 475.707, mentre le aziende guidate da uomini guadagnano in media $ 675.643 di entrate annuali.

Statistiche sul finanziamento delle piccole imprese

Mentre 78 per cento delle startup utilizzare esclusivamente i propri soldi per avviare le proprie attività, molte piccole imprese avranno bisogno di finanziamenti a un certo punto. Dopo tutto, l’importo dei prestiti alle piccole imprese in sospeso ha raggiunto $ 645 miliardi nel 2019. Questo numero è così alto in parte perché il il prestito SBA medio è di $ 417.316.

Mentre i prestiti sono un’opzione per le imprese che necessitano di grandi quantità di finanziamento, carte di credito aziendali sono un altro metodo comune utilizzato dalle aziende per pagare le spese. I tassi di interesse delle carte di credito tendono ad essere molto più alti di quelli dei prestiti alle imprese, quindi non sono l’opzione migliore per i finanziamenti a lungo termine. Tuttavia, a volte sono più accessibili e offrono ricompense e vantaggi che i prestiti alle imprese non offrono.

Statistiche sul successo delle piccole imprese

Nonostante la ricchezza dell’imprenditorialità negli Stati Uniti, la strada di un piccolo imprenditore non è facile. Sfortunatamente, il 18 percento delle aziende fallisce entro il primo anno, il 50 percento dopo cinque anni e il 65 percento entro il decimo anno, secondo il Ufficio di Statistiche sul Lavoro.

Anche la posizione geografica può svolgere un ruolo in questo fallimento. Zippia trovata che, a partire dal 2019, Washington, Michigan e Kansas sono i tre stati con i più alti tassi di fallimento aziendale. D’altro canto, California, Louisiana e Massachusetts hanno le più alte percentuali di successo.

Un altro fattore di successo delle piccole imprese è l’industria. Non sorprende che il settore sanitario abbia il più alto tasso di successo, con il 60% delle piccole imprese che rimangono aperte oltre il quinto anno. Magazzini, trasporti e costruzioni, d’altra parte, hanno i peggiori tassi di successo rispettivamente del 30% e del 40% dopo cinque anni.

Allora perché le piccole aziende falliscono? Sondaggio di CBinsights ha rivelato che il motivo principale per cui le aziende falliscono è dovuto all’esaurimento dei soldi e all’incapacità di assicurarsi di più. Un prodotto che diventa obsoleto e viene superato dalla concorrenza sono altri due motivi comuni per cui alcune aziende falliscono.

Entro 1 anno 18%
Dopo 5 anni 50%
Dopo 10 anni 65%

La linea di fondo

Le statistiche in questa guida sono incoraggianti e scoraggianti per gli aspiranti imprenditori. Avviare un’attività in proprio può sembrare sia ad alto rischio che ad alto rendimento, ma non è necessario investire enormi quantità di denaro e tempo nella tua attività prima di sapere se sarà redditizia. Leggi il nostro guida per avviare un’attività in proprio per imparare a formalizzare la tua idea e iniziare a guadagnarti da vivere con la tua passione.

Sezione FAQ

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *