La triangolazione nelle relazioni è una forma subdola di manipolazione

A meno che tu non abbia entrambi eccellenti capacità di comunicazione e sono a suo agio con il confronto (complimenti a te se è così), gestire un disaccordo con un partner – o chiunque abbia una relazione con – è spesso spiacevole. La risoluzione di un conflitto con il tuo SO potrebbe non essere sempre possibile da sola, a volte viene chiamata una terza parte per aiutare a facilitare. Mentre l’idea di qualcosa di simile terapia di coppia potrebbe essere una soluzione adeguata, altri faticano a trovare un modo sano ed emotivamente sicuro per portare un’altra persona nella loro linea di comunicazione.

Coinvolgere un “intermediario” potenzialmente di parte (come un buon amico o un familiare) potrebbe sembrare una buona idea, ma gli esperti dicono che potrebbe finire per essere una forma di triangolazione, alias una forma piuttosto complessa di manipolazione emotiva. “La triangolazione è un processo relazionale che si verifica quando una parte in una diade, ovvero due persone, coinvolge una terza persona per aiutare a ridurre lo stress o il conflitto all’interno della diade”, afferma l’assistente sociale clinico autorizzato Iris Bowen. Sembra abbastanza innocente, ma, secondo Bowen, questo diventa manipolativo quando un partner in conflitto con un altro usa una terza persona nel tentativo di controllare o ridurre la situazione.

Nessuno vuole subire manipolazioni emotive o abusi da parte di un partner, ma tattiche come la triangolazione possono essere difficili da rilevare. Se ritieni che la definizione suoni familiare, ecco tutte le informazioni che devi sapere al riguardo forma di manipolazionesecondo gli esperti.

Che cos’è la triangolazione nelle relazioni?

Getty Images/EMS-FORSTER-PRODUCTIONS

Con la triangolazione, il coinvolgimento di una terza parte non vuole essere d’aiuto (almeno per le due persone nella relazione, almeno). “Questo di solito viene fatto per creare distanza e spazio emotiva tra chi abusa e la persona che vorrebbe controllare o manipolare”, afferma il terapista matrimoniale e familiare autorizzato Colomba Tameca. “Una persona usa la triangolazione per manipolare gli altri e la comunicazione è usata come un modo per controllare e fuorviare”.

Quindi, cosa può distinguere la triangolazione da un partner che coinvolge semplicemente una terza parte per allentare la tensione o aiutare a risolvere un conflitto? Secondo assistente sociale clinico autorizzato Maria Elia, la triangolazione è quando una persona in una relazione di due persone non comunica direttamente con il proprio partner. “Invece di voler porre fine a una discussione o aiutare a riparare qualsiasi disconnessione emotiva nella relazione, la persona che usa la triangolazione lo fa per il proprio guadagno personale”, afferma Elias.

Coinvolgendo la terza parte, il manipolatore non deve assumersi la responsabilità o affrontare le conseguenze di come le sue azioni hanno influenzato l’altro, e ha l’opportunità di cambiare la narrazione usando la diversa prospettiva della terza persona. Se usato in modo improprio (leggi: non con un terapeuta autorizzato, un consulente o una terza parte imparziale in modo non manipolativo), la creazione di un “triangolo” di comunicazione è una forma di abuso emotivo e può avere un impatto devastante su qualsiasi tipo di relazione , secondo assistente sociale clinico autorizzato Lia Cohen.

Qualcosa di importante da notare, tuttavia, è che i triangoli a volte possono fornire vantaggi positivi, afferma Bowen. “L’unica volta che questo può accadere è quando la terza parte è in grado di rimanere emotivamente rimossa pur riconoscendo entrambe le prospettive della diade”, dice a Bustle. In questa situazione, osserva che a terapeuta di coppia è un esempio calzante.

Come si manifesta la triangolazione nelle relazioni?

Getty Images/Maschera

Ci sono molti modi diversi in cui qualcuno può usare la triangolazione per ottenere ciò che vuole in una relazione, e a volte può essere così sottile che anche la persona che usa la tattica non si rende conto che lo sta facendo. In questo caso, Bowen fa l’esempio dei genitori con figli. “Nelle coppie, potremmo vedere una forma triangolare tra genitore e figlio, come un genitore che usa il figlio per evitare di passare del tempo con il coniuge o per esprimere frustrazione per il comportamento del coniuge”, dice a Bustle. “La triangolazione non deve necessariamente implicare il coinvolgimento di qualcuno nella relazione per feedback o supporto, ma può anche implicare la scelta di una terza parte da escludere o su cui concentrarsi eccessivamente come metodo per evitare conflitti all’interno della diade”.

Un altro possibile scenario sarebbe in a non monogamo ambientazione; in un poligono di tre o più partner, la triangolazione può ancora essere utilizzata per il guadagno di un partner. “[In a polyamorous relationship]un paio [could be] uscire con una persona single e la coppia cerca di vedere chi può avvicinarsi di più alla persona single, all’insaputa della persona single”, afferma Dove. “La coppia è in competizione tra loro e agisce di conseguenza con le loro interazioni, comunicazioni e connessioni”. Inoltre, se dovesse verificarsi un conflitto tra due partner in un poligono, un partner potrebbe usare il proprio metamour (il partner del partner) per interrompere la linea di comunicazione e manipolare il metamour affinché si schieri dalla sua parte nella discussione.

Secondo Elias, alcuni dei segni di triangolazione in una relazione possono essere più semplicistici del comportamento stesso. “Alcuni dei segni includono la sensazione che i propri limiti non vengano rispettati, il sentirsi ansiosi e insicuri riguardo alla propria relazione e sentirsi spinti a soddisfare le richieste dell’altra persona per assicurarsi che sia felice”, dice a Bustle.

Sono possibili anche esempi più sfumati, soprattutto quando l’atto di triangolazione è intenzionale. Secondo Cohen, questo può comportare molte affermazioni “ha detto, ha detto o hanno detto” invece di ascoltare le prospettive direttamente da quella persona. “Un altro esempio è quando una persona sembra avere tutte le informazioni e una distribuzione ineguale del potere o dell’influenza, e un altro implica che una persona o una parte venga vista come ‘il nemico’ o venga svalutata in qualche modo dagli altri”, ha detto dice.

In che modo la triangolazione ti influenza?

Getty Images/Westend61

A livello fondamentale, cadere vittima della triangolazione può farti sperimentare molte delle stesse conseguenze di altre forme di abuso emotivo. Per uno, può influenzare la tua autostima e autostima, secondo Elias. Oltre a ciò, può creare dubbi nelle relazioni e portare a collaborazioni malsane. “La triangolazione può anche portare la persona manipolata a provare ansia, depressione, conflitti in altre relazioni e codipendenza da un partner”, dice Elia. E, simile a illuminazione a gasquesto comportamento può portare a sentimenti di instabilità e insicurezza in chiunque lo viva.

Sebbene sia raro, Bowen sottolinea anche che ci sono alcuni casi in cui il coinvolgimento di una terza parte può essere utile durante un disaccordo. “È importante riconoscere che la triangolazione può temporaneamente funzionare: può essere davvero bello sfogarsi con qualcun altro sulle frustrazioni che potresti provare all’interno della tua relazione diadica e parlare con i tuoi sistemi di supporto delle sfide che incontri nella tua vita è un salutare coping meccanismo da utilizzare”.

La chiave per usarlo in modo sano, come ha spiegato Bowen, è risolvere completamente il conflitto all’interno della relazione tra due persone anche dopo che la terza persona si è staccata. Altrimenti, dice a Bustle, “La triangolazione può aumentare i comportamenti evitanti, far sentire le persone coinvolte e nei casi in cui i bambini vengono usati dagli adulti per formare un triangolo, può causare una serie di problemi di sviluppo e comportamentali”.

Come navigare nella triangolazione nelle relazioni

Getty Images/FG Trade

Una volta compreso che la triangolazione può essere utilizzata, a volte, in modo salutare e produttivo, è anche importante imparare a intercettare il comportamento quando non lo è. Cohen spiega che questo intervento dovrebbe coinvolgere tutte le parti coinvolte. “Quando ti rendi conto che potrebbe esserci una triangolazione in corso, il modo più efficace e rapido per risolvere il problema è che tutte le persone coinvolte abbiano una conversazione in gruppo”, afferma. “Identificare quale canale non ha un flusso di comunicazione, aumentare il flusso di comunicazione tra tutti i canali, idealmente in un gruppo in cui sono presenti tutte le parti per evitare ulteriori triangolazioni — [and] stabilire norme per la comunicazione che va avanti”.

Anche affrontare le tue insicurezze ed essere in grado di comunicarle può aiutare, secondo Elias. Questo tipo di comunicazione favorisce uno “spazio sicuro” emotivo nella relazione, in cui entrambi i partner si sentono a proprio agio nell’affermare i propri bisogni. “Stabilire confini sani nelle relazioni e garantire che tali confini siano rispettati è anche utile per prevenire e affrontare la triangolazione”, afferma. “Inoltre, cercare una terapia può essere utile per notare schemi di triangolazione e imparare modi sani per affrontarli”.

Se hai sperimentato la triangolazione in passato o vuoi allontanarti da essa ora, Dove spiega che, sebbene sia difficile, dovresti concentrarti sul non lasciare che quell’esperienza ti renda amareggiato e chiuso a connetterti con gli altri in futuro. “È importante iniziare a concentrarti su ciò che vuoi e di cui hai bisogno da una relazione”, dice. “Potrebbe volerci del tempo per imparare a fidarti degli altri e di te stesso dopo aver sperimentato la triangolazione. Tuttavia, è importante che una persona inizi nuove relazioni essendo più intenzionale, stabilendo dei limiti e parlando delle bandiere rosse non appena le noti dopo aver sperimentato la triangolazione. In breve: cerca di non lasciare che l’esperienza negativa di essere triangolato ti impedisca di prosperare nella vita.

Se tu o qualcuno che conosci sta subendo abusi domestici, chiama il 911 o la National Domestic Violence Hotline al numero 1-800-799-SAFE (7233) o visita thehotline.org.

Fonti:

Iris Bowenassistente sociale clinico abilitato

Colomba Tamecaterapista matrimoniale e familiare autorizzato

Maria Eliaassistente sociale clinico abilitato

Lia Cohenassistente sociale clinico abilitato

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *