L’iPhone 14 Pro Dynamic Island di Apple impallidisce rispetto al Pixel 7 Pro Dynamic Island di Google: parliamo di marketing

Come sempre, è stato un anno entusiasmante nel mondo della tecnologia mobile e, prima che te ne accorga, eccoci qui a Techtober! Mela ha rilasciato il suo nuovo iPhone 14 più proprio ora, seguendo il resto della serie iPhone 14, e come un orologio, Google ha recentemente svelato la concorrenza: la sua nuova serie Pixel 7. Parleremo dei modelli Pro oggi, ovvero iPhone 14 Pro e Pixel 7 Pro… E in particolare di come ciascuno dei due marchi giganti li ha commercializzati. Quindi non approfondiremo specifiche complicate, solo punti vendita e il loro valore effettivo.

Ora, il modo in cui Apple ha cercato di vendere agli utenti il ​​nuovo iPhone 14 Pro (e iPhone 14 Pro Max) è stato, in parte, introducendo qualcosa chiamato “l’isola dinamica”. È un ritaglio orizzontale a forma di pillola nei loro display, che succede alla buona vecchia tacca.

Quei ritagli contengono i sensori Face ID dei telefoni e, con alcuni trucchi del software, possono sembrare vivi e in movimento! Extra funzionali, anche: sono come il luogo in cui le notifiche e le commutazioni rapide sono in diretta! Abbastanza bello!

Tuttavia, il Pixel 7 Pro recentemente annunciato da Google ha un diverso tipo di ritaglio a forma di pillola… sul retro. Sì, stiamo parlando delle telecamere.

In che modo sono correlate queste due “Isole dinamiche”? Bene, a parte la loro forma, sono correlati per essere i principali punti di vendita per i rispettivi telefoni.

Invece di puntare su quello che è essenzialmente un notch riprogettato, che ora occupa ancora più spazio sullo schermo (se consideriamo la nuova fila di pixel inutilizzabile sopra di esso) come faceva Apple, Google sapeva cosa conta di più per la maggior parte degli utenti di smartphone: il fotocamera e privacy.

Iniziamo con il primo e parliamo del motivo per cui “Dynamic Island” di Google e il suo nuovo telefono in generale sono molto più eccitanti di ciò che Apple ha cercato di vendere come caratteristica principale del suo iPhone “Pro”. E come il Pixel 7 Pro batte l’iPhone 14 Pro non solo in termini di marketing, ma come aggiornamento generale rispetto al suo predecessore…

Ammettiamolo: lo sblocco facciale è una cosa su entrambi i telefoni ora

Diamo una rapida occhiata alla “specifica” più importante: il prezzo. Il Google Pixel 7 Pro di base da 128 GB costa $ 100 in meno rispetto all’iPhone 14 Pro di base da 128 GB, che costa $ 999. Cerchiamo di essere realisti però, e arrotondare le cose: è un telefono da $ 1000 contro uno da $ 900. Entrambi i telefoni ora hanno lo sblocco facciale, poiché Google ha annunciato che il suo processore Tensor 2 può e utilizzerà “modelli avanzati di apprendimento automatico” per utilizzare la fotocamera frontale singola della serie Pixel 7 per questo.

Quindi, anche se non possiamo aspettarci che lo sblocco facciale di Google possa competere con il Face ID di Apple in termini di precisione e affidabilità, sappiamo per esperienza che Google è in grado di fare di più con meno, quindi non riduciamo troppo le nostre aspettative.

Restate sintonizzati per il nostro Recensione di Google Pixel 7 Pro dove lo testeremo davvero, ma almeno sulla carta – è ufficiale – sia l’iPhone 14 Pro che il Google Pixel 7 Pro ora hanno lo sblocco facciale.

Tranne che l’iPhone ha questa enorme “Dynamic Island” a forma di pillola che occupa una buona parte dello schermo, mentre Pixel 7 Pro ha solo un piccolo ritaglio per la fotocamera selfie. Inoltre c’è un bonus sul Pixel: un sensore di impronte digitali! Cosa che, ovviamente, manca all’iPhone.

E proprio così, Pixel 7 Pro ha potenziato l’iPhone, poiché non solo offre più modi per lo sblocco sicuro, ma il suo sblocco facciale non richiede un ampio ritaglio orizzontale nel display, occupando spazio prezioso sullo schermo.

Ma cerchiamo di “affrontare” la situazione di sblocco facciale su questi telefoni e guardarli come gli aggiornamenti annuali che sono.

Il nuovo iPhone 14 Pro è stato l’aggiornamento più grande o Pixel 7 Pro ha fatto il balzo in avanti più grande rispetto al suo predecessore? beh, è ​​così…

Il Pixel 7 Pro è come dovrebbe essere un vero aggiornamento (prendi appunti, iPhone 14 Pro)

Come abbiamo detto nel ns iPhone 14 Pro vs iPhone 13 Pro confronto: le differenze visive tra i due sono quasi indistinguibili. Stiamo parlando di una dimensione leggermente diversa per il modello più recente, cornici leggermente più piccole e, naturalmente, la tacca diventa un’isola dinamica (un ritaglio a forma di pillola).

In termini di funzionalità software, il display sempre attivo fornito con il 14 Pro è grande e, per quanto riguarda l’hardware, ottiene un chip A16 Bionic più veloce e una fotocamera principale da 48 MP ad alta risoluzione.

Solo gli aggiornamenti incrementali che ci aspettiamo, senza grosse sorprese. Bene, a parte, ancora una volta, l’isola dinamica, se vogliamo renderlo un grande affare come fa Apple.

Per quanto riguarda la Google Pixel 7 Pro vs Google Pixel 6 Pro – anche nel reparto design sono abbastanza simili, ma le cose si fanno interessanti quando guardiamo alle nuove funzionalità che ha ottenuto il 7 Pro.

Sì, ha gli stessi aggiornamenti obbligatori di qualsiasi nuova ammiraglia: fotocamere migliori, prestazioni leggermente migliori… Ma ora abbiamo anche lo sblocco facciale, uno schermo più luminoso del 25%, uno zoom della fotocamera più elevato (5x, Zoom SuperRes fino a 30x), un nuova funzione Macro Focus, una nuova funzione Photo Unblur.

Ma forse la cosa migliore, ma probabilmente la più sottovalutata: Pixel 7 Pro è dotato di una VPN integrata basata su Google One! Ad essere onesti, Apple offre una funzione di inoltro privato, che sebbene non sia una VPN, protegge la tua privacy su Internet mascherando il tuo indirizzo IP, ma funziona solo quando navighi sul Web in Safari. Quindi il resto del tuo traffico Internet rimane non protetto come al solito.

D’altra parte, la VPN gratuita di Google fornita con la serie Pixel 7 nasconde sostanzialmente tutta la tua attività online da occhi indiscreti, rendendo più difficile per tutte le app raccogliere dati su di te e venderli a terzi.

Con tutti i discorsi di Apple sulla privacy degli utenti come priorità principale, questa mossa di Google è sicuramente un modo audace per dire: “Google si preoccupa anche della privacy degli utenti dei nostri telefoni e siamo disposti a dimostrarlo in grande stile”.

Quale marca ti ha venduto meglio sul suo telefono “Pro”? Quale telefono compreresti e perché?

Quindi, alla fine, con tutto quel marketing su Dynamic Islands e cosa no, su quale telefono sei davvero venduto?

O per lo meno, quale telefono credi meriti il ​​clamore più grande e quale delle sue caratteristiche ritieni sia più sottovalutata?

Inoltre, pensi che il marketing di Apple si basi un po’ troppo sull’hype, mascherando in modo significativo il vero valore delle funzionalità di iPhone che introduce? O ami quanto è eccitante e vorresti che anche Google cercasse di eguagliarlo?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *