L’arte abbellisce i frigoriferi, una rete di cure li tiene riforniti

Nota dell’editore: Questa storia è la conclusione di una serie in tre parti su Evanston Community Frigoriferi e le persone dietro lo sforzo di mutuo soccorso. Leggi la prima parte qui e la seconda parte qui.

Alfonso ‘Piloto’ Nieves Ruiz, 46 anni, artista del frigo

Era il 2001 quando Alfonso “Piloto” Nieves Ruiz iniziò a fare arte. Era emigrato a Chicago dal Messico tre anni prima, a 21 anni, e lavorava a turni di 14 ore in un ristorante per 5 dollari l’ora, senza pause.

Piloto Nieves Ruiz

Per Nieves Ruiz i vicoli della città erano più sicuri delle strade, dove non riusciva a capire la gente che parlava. I cani che abbaiavano nei vicoli gli ricordavano il Messico. Tra garage e scale raccoglieva le cose lasciate: televisori, divani, biciclette, computer.

“Ero tipo, amico, questo modo di consumare ci sta uccidendo”, ha detto.

Voleva dare a questi oggetti una sorta di seconda vita e iniziò a fare arte con ciò che alcuni considerano spazzatura, creando figure surreali che sono allo stesso tempo belle e grottesche.

Nieves Ruiz conduce laboratori d’arte e ha esposto a Chicago in luoghi tra cui il National Museum of Mexican Art e il Field Museum. Ha in programma di aprire uno spazio espositivo combinato e un ristorante di taco a Evanston.

Nieves Ruiz ha appreso per la prima volta del movimento The Love Fridge a Chicago quando un amico lo ha invitato a costruire un rifugio per uno dei frigoriferi. Pensava che l’idea fosse bellissima e sapeva com’era preoccuparsi del cibo. Ma non aveva tempo.

Poi, la scorsa primavera, un amico che lavora presso il Childcare Network di Evanston gli ha chiesto di decorare la prima location di Evanston Community Frigoriferi. Questa volta, il suo programma era aperto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *