I residenti di Firestone Park coltivano, incoraggiano gli orti urbani

Madeleine Stavarz e Dave Cranston mostrano alcuni dei pomodori che hanno raccolto dal loro orto ad Akron.

Una giovane coppia e un ferroviere in pensione e pilota stanno entrambi coltivando la terra Parco Firestone e cercando di incoraggiare l’idea di giardinaggio urbano.

Madeleine Stavarz e Dave Cranston hanno trasformato il loro amore per il giardinaggio nel loro piccolo cortile di Firestone Park in un account Instagram per incoraggiare gli altri a coltivare e cucinare con cibi freschi.

‘Un ministero comunitario’:La Blessing Box della chiesa di Firestone Park offre assistenza 24 ore al giorno

Maurice Howard ha trasformato un lotto vuoto accanto a una casa che affitta a Firestone Park in un orto comunitario con la speranza di incoraggiare gli altri a coltivare e fornire cibo alle famiglie a basso reddito in quello che lui chiama un deserto alimentare.

“La coltivazione di cibo è vitale per la nostra sicurezza alimentare”, ha affermato Lisa Nunn, direttore esecutivo di Coltiviamo Akronun’organizzazione no-profit che incoraggia il giardinaggio e sostiene 30 orti comunitari, incluso il giardino di Howard a Firestone Park.

“Le persone stanno iniziando a vedere alcune delle carenze alimentari basate sui problemi della catena di approvvigionamento e dei trasporti da quando è stato colpito il COVID, ma credo anche che le persone stiano diventando più consapevoli della qualità del cibo che mangiano”, ha affermato Nunn. il massimo controllo su ciò che c’è nel tuo cibo coltivandolo da solo.”

Madeleine Stavarz tiene in mano una manciata di pomodori dal suo orto martedì.

“Piantare semi economici o piantine poco costose o che puoi anche ottenere gratuitamente e poter produrre il tuo cibo, ti fa risparmiare denaro al supermercato e, in definitiva, stare all’aperto e lavorare nel terreno contribuisce al tuo propria salute fisica e mentale pure”, ha detto.

Giardino magico:Firestone Park Fairy porta un po’ di magia ai giovani credenti che visitano il giardino, l’albero

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *