Ex fumatore? Questa abitudine alimentare può ridurre il rischio di morte del 27%

Ci sono molte ragioni per farlo smettere di fumarecompreso il fatto che liberarti di questa abitudine particolarmente dannosa può aggiungere fino a un decennio alla tua aspettativa di vita, secondo il Società americana del cancro. Se il fumo è già qualcosa che hai lasciato con orgoglio in passato, allora dovresti sapere che, secondo un nuovo studio, puoi ridurre ulteriormente il rischio di morte mangiando un dieta sana.

Nello studio, condotto da ricercatori del National Cancer Institute (NCI) e pubblicato in Rete JAMA aperta, l’analisi è stata condotta sui dati di 159.937 ex fumatori coinvolti nello studio NIH-AARP Diet and Health Study nel 1995 e nel 1996. Ai partecipanti, che avevano una media di 62,6 anni, all’inizio è stato chiesto di rispondere a domande sul loro stile di vita dello studio. I ricercatori hanno quindi seguito i partecipanti circa 19 anni dopo, durante i quali 86.127 di loro erano morti.

Mangia questo, non quello

Mangia questo, non quello

Iscriviti alla nostra newsletter!

Coloro che stanno dietro lo studio hanno anche confrontato le abitudini alimentari dei partecipanti con le Indice di alimentazione sana 2015. Questo indice mostra come il cibo resiste alle raccomandazioni fornite dal Linee guida dietetiche per gli americani. I partecipanti le cui diete hanno ottenuto il punteggio più alto nell’indice avevano un rischio di morte inferiore del 27% rispetto a quelli i cui punteggi erano i più bassi. In parole povere, i risultati suggeriscono che gli ex fumatori che praticano un’alimentazione sana possono vivere più a lungo degli ex fumatori che non lo fanno.

Analizzando ulteriormente le cose, i ricercatori hanno notato che quelli con i punteggi più alti avevano anche una probabilità inferiore del 24% di morire per cancrouna probabilità inferiore del 28% di morire per malattie cardiovascolari e una probabilità inferiore del 30% di morire per malattie respiratorie.

“Mantenere uno stile di vita sano, come raccomandato da molte organizzazioni nazionali, tende a includere le stesse o simili raccomandazioni su un’alimentazione sana e sull’attività fisica al fine di migliorare la salute generale e proteggere dall’insorgenza di molte malattie croniche”, Kiran Campbell, RDracconta Mangia questo, non quello!

IMPARENTATO: Questa è la causa numero 1 per morire troppo presto, secondo la scienza

Per quanto riguarda quale tipo di dieta sana potrebbe essere la migliore per gli ex fumatori, Campbell spiega che le linee guida dietetiche dal 2015 al 2020 per gli americani “la raccomandazione per una dieta sana include una quantità adeguata di frutta, verdura, verdure e fagioli, cereali integrali, latticini, proteine ​​totali, frutti di mare e proteine ​​vegetali e alimenti contenenti acidi grassi”. Inoltre, “la raccomandazione include anche alcune limitazioni [such as] limitando l’assunzione di cereali raffinati, sodio, zuccheri aggiunti e grassi saturi”.

Campbell sottolinea anche che “ci sono diversi nutrienti che i fumatori e gli ex fumatori potrebbero aver bisogno di reintegrare il loro sistema”.

“Per esempio, vitamina C è un nutriente di cui i fumatori hanno bisogno di più rispetto a quelli che si astengono dal fumare”, afferma Campbell. “È stato dimostrato che il fumo abbassa i livelli di beta-carotene, selenio, zinco, vitamina E e diverse vitamine del gruppo B. Ciò è dovuto principalmente agli agenti cancerogeni nocivi presenti nelle sigarette e al fumo da esse inalato. Ha un effetto ossidante sul corpo e diminuisce la biodisponibilità di questi nutrienti. Il riferimento sottolinea anche che i fumatori hanno meno probabilità di consumare frutta e verdura, in particolare quelle più ricche di vitamina C e caroteni”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *