2 segnali che il tuo partner sta lasciando la tua relazione

Gli americani stanno cercando “quando rompere” più che mai, secondo i recenti dati di Google Trends.

E mentre cercano di capire come e quando lasciare i loro partner, alcuni stanno “abbandonando silenziosamente” le loro relazioni.

Il termine “smettere tranquillo” è entrato nello zeitgeist alcuni mesi fa e generalmente si riferisce ai lavoratori che svolgono solo i compiti che rientrano nella loro descrizione del lavoro, invece di andare “al di sopra e al di là”.

Nel contesto di una relazione, l’abbandono silenzioso si riferisce a coloro che non vogliono avere la conversazione sulla rottura e invece stanno facendo i movimenti senza alcuna reale motivazione per far durare la relazione.

Vogliono esprimere con il loro comportamento ciò che non possono con le loro parole.

Lia Amore Avellino

Terapista

“Non vogliono fare il Grande Congedo”, dice Lia Love Avellino, una psicoterapeuta che si concentra su sesso e relazioni.

“Vogliono esprimere con il loro comportamento ciò che non possono con le loro parole”.

‘Andare d’accordo per andare d’accordo’

Di recente Avellino ha visto molti clienti che stanno cercando di uscire da una relazione ma non sanno come fare.

“Molte delle persone che si preoccupano di rompere sono persone che si accontentano”, dice.

“Stanno andando d’accordo e si stanno dicendo che non vogliono ferire il loro partner, ma in realtà non vogliono affrontare il disagio di essere la persona che lo fa smettere”.

Poiché stanno evitando la conversazione sulla rottura, qualsiasi segno di disinteresse potrebbe essere passivo aggressivo.

2 segnali che il tuo partner sta “abbandonando silenziosamente” la tua relazione

1. Hanno smesso di sostenere i loro bisogni

Dire al tuo partner ciò di cui hai bisogno emotivamente o fisicamente può creare conflitti, ma significa anche che tieni a te, dice Avellino.

Se il tuo partner sembra non avere alcun interesse a comunicarti ciò che sta provando, potrebbe disimpegnarsi dalla relazione.

Diciamo che il tuo partner è generalmente geloso, ma non ha espresso quella sensazione ultimamente. Non esprimere gelosia potrebbe ridurre il conflitto, ma potrebbe anche indicare una mancanza di interesse.

“Quando provi gelosia, c’è una carica per questo”, dice. “C’è una parte di te che è fiduciosa e crede che la relazione valga il lavoro.”

2. Non sono disposti a possedere la loro rabbia

Invece di avere conversazioni diretteil tuo partner potrebbe comportarsi in modo strano.

“Potrebbero smettere perché il loro partner non soddisfa i loro bisogni sessuali”, dice. “Dicono: ‘Vado fuori tutte le sere e ti faccio sentire come se non avessi importanza.’ Stanno eliminando l’aggressività sulla relazione, invece di risolverla”.

Le cose che prima amavano fare, come cucinare la cena ogni sera o invitarti ad un appuntamento, potrebbero interrompersi.

“La loro azione ha lo scopo di allontanare l’altra persona, ma in realtà si sentono male perché i propri bisogni non vengono soddisfatti”, dice.

Sei paranoico o perspicace?

Può essere difficile sapere se stai raccogliendo i segni o se li stai inventando.

“A volte non riusciamo a distinguere tra paranoia e percettività”, dice Avellino.

Se ti senti come il tuo compagno si sta disimpegnando in qualche modo, racconta loro cosa hai notato e sii specifico.

Solo fatti, non giudizi, dice: “Vuoi rendere esplicito l’implicito”.

Ad esempio, puoi dire: “Ehi, ho notato che non cucini più” o “Ho notato che non ti avvicini più a me per fare sesso. Voglio controllare con te”.

Questo potrebbe causare attrito, ma sappi che non l’hai creato, l’hai portato alla luce.

“A volte pensiamo che se evitiamo la conversazione e che non nominandola stiamo mantenendo la pace”, dice Avellino. Ma “Se lo stai nominando e c’è una rissa, non hai creato il problema, hai rivelato la crepa”.

“Dicendo ciò che stai notando non stai accusando l’altra persona, stai invitando una conversazione onesta su ciò che sta accadendo.”

Iscriviti ora: Diventa più intelligente riguardo ai tuoi soldi e alla tua carriera con la nostra newsletter settimanale

Da non perdere:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *